Destratificazione: test di laboratorio

I dati che seguono riassumono il contenuto di Prove di Laboratorio, effettuate e certificate dal gruppo di studio del Prof. Ing. Fabio Bozzoli dell’Università di Parma del Dipartimento di Ingegneria Industriale.

Sono state misurate le prestazioni di due Ventilatori Destrafan 6000 a 6 pale prodotti dall’azienda PionAir di Arienti Paolo & Co, situati in un’officina meccanica di 1000 mq, allo scopo di rompere la stratificazione dell’aria promuovendone un rimescolamento.

A tal fine sono state utilizzate 8 termocoppie disposte rispettivamente a 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 metri dal suolo.

Il primo grafico (fig.1) rappresenta molto bene la stratificazione dell’aria presente all’interno del capannone prima della messa in funzione dei Destratificatori Destrafan 6000.

Come si può notare le 8 termocoppie hanno misurato temperature decisamente stratificate ad altezze diverse, con temperature intorno ai 17 gradi ad 1 metro da terra e vicino ai 33 gradi a 7 metri da terra. Questo vuol dire che tutto il combustibile utilizzato per la produzione di calore veniva disperso nell’ambiente a 7 metri da terra, lasciando al freddo le persone che si trovavano a lavorare nel capannone (altezza tra 1 e 2 metri).

Nel secondo grafico (fig.2) è facile notare come dopo, soli, 50 secondi di attività dei Destratificatori Destrafan 6000, tutte e 8 le termocoppie abbiano segnato la medesima temperatura (tra i 27 e i 28 gradi) anche tra gli 1 e i 2 metri di altezza. Questa nuova situazione ha consentito all’impianto di riscaldamento di funzionare ad un regime inferiore con importanti risparmi di carburante e di usura nel tempo.

Destrafan 6000 ditta Pionair by Arienti NON FUNZIONANTI

fig.1

DESTRAFAN 6000 NON FUNZIONANTI

In assenza del funzionameto dei ventilatori si vede come sia presente nel capannone una ben definita stratificazione, caratterizzata da una differenza di temperatura massima tra zona alta e zona bassa di 14°C

Destrafan 6000 ditta Pionair by Arienti FUNZIONANTI

fig.2

DESTRAFAN 6000 FUNZIONANTI

La figura mostra un repentino cambiamento in corrispondenza della fine del primo minuto di misurazione: l’effetto di rimescolamento dell’aria diventa significativo rompendo in brevissimo tempo la stratificazione dell’aria e uniformando le temperature per tutta l’altezza del capannone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Sign up to our newsletter!